Lista civica PIACENZA PIU’: la Carta dei Valori

La “Carta dei Valori” trova il proprio fondamento nell’art. 54 della Costituzione, il quale prevede che “I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore…”.

La Carta costituisce l’esplicitazione del modo in cui intendiamo declinare i termini “disciplina e onore”.

  1. Crediamo che il bene comune debba essere sempre e comunque l’obiettivo fondamentale di qualsiasi azione politica.
  2. Siamo sempre consapevoli della complessità e della responsabilità a cui è chiamato chi deve prendere decisioni in rappresentanza e per conto di una comunità con interessi molteplici e talvolta in contrapposizione.
  3. Prendere decisioni che incideranno sulla vita di altri è un privilegio e un impegno molto serio e va svolto come servizio, senza altro fine che il bene comune della comunità che si serve.
  4. Crediamo sia necessario un impegno serio e profondo nell’individuare e valutare tutti gli elementi che influiscono sul bene comune, nell’ascoltare le istanze di tutti i portatori di interesse, e di considerare anche il punto di vista di coloro che non vogliono o non possono formularle.
  5. Chiunque si faccia portatore di un interesse o faccia lo sforzo di esprimere un’opinione, anche se diversa dalla nostra, e la manifesta nel rispetto delle regole e delle persone, è nostro alleato in questo sforzo comune di ridefinire la politica. E come alleato va supportato e valorizzato.
  6. Crediamo che sia fondamentale ridare dignità e rispetto all’Impegno politico. Per questo ci comportiamo in modo esemplare, dimostriamo attivamente di perseguire l’interesse comune e non il nostro interesse. Non prendiamo scorciatoie rispetto ai nostri valori, ci tiriamo indietro quando il nostro coinvolgimento potrebbe essere anche solo percepito come un conflitto di interesse.
  7. Crediamo nel lavoro di squadra e combattiamo i personalismi e gli individualismi. Siamo consapevoli che i problemi con cui si confronta la società moderna, ad ogni livello civico, sono così complessi che affrontarli in isolamento può solo portare a superficialità e alla improvvisazione. Il lavoro di squadra ci permette di valorizzare le competenze e rappresenta un sistema di governance e di autocontrollo.
  8. Per colmare la distanza che separa oggi i cittadini dalla politica riteniamo che sia una delle priorità di ogni soggetto politico comunicare in maniera chiara, esaustiva e facilmente comprensibile da tutti le proprie opinioni e convinzioni e le relative motivazioni. Il processo decisionale deve essere trasparente e i cittadini devono poterne capire il filo logico e le valutazioni sottostanti. Questo sforzo di comunicazione deve essere attivo e non reattivo, costante ed esaustivo e deve trovare canali e metodi che raggiungano la più ampia base possibile.
  9. Ci impegniamo affinchè le nostre comunicazioni e le nostre azioni:
  • siano mirate ad una onesta e completa presentazione a tutte le parti interessate della complessità degli aspetti su cui saremo chiamati ad esprimerci, dei vincoli esistenti, delle risorse disponibili e degli interessi contrapposti che possono essere coinvolti. Rifuggiamo lo sbandieramento di slogan e facili soluzioni improntate a populismi e all’acquisizione di consensi, che banalizzano i problemi e li riducono a schemi funzionali allo svilimento di una delle parti.
  • siano improntate ad uno stile sobrio e rispettoso, non urlato, non aggressivo, sempre aperto all’ascolto dell’altro e non mirato a svilirlo o a farlo stare zitto. Fare tacere una controparte o non permetterle di esprimere il proprio pensiero è un grave fallimento. Ci facciamo promotori di un clima che permetta un confronto equo e pertinente tra tutte le parti.
  1. Crediamo che non ci sia obiettivo politico così importante da non poter essere raggiunto in modo onesto e leale, senza inganni, nel pieno rispetto degli altri, sia come persone che come controparti politiche. Raggiungere un obiettivo politico, una carica o un livello di consensi senza essere riusciti a farlo nel pieno rispetto di questa carta dei valori è comunque una sconfitta.

 

I CANDIDATI DELLA LISTA CIVICA PIACENZA PIU’

CATERINA PAGANI, 48 anni, INGEGNERE AMBIENTALE;

STEFANO QUAGLIAROLI, 57 anni, DOCENTE LICEO RESPIGHI

ELENA LOREDANA RABOJ, 25 anni, DIRETTIVO ASSOCIAZIONE ITALIA-ROMANIA

MARIA ANTONIETTA RIGNANESE, 50anni, OPERATRICE FORMAZIONE PROFESSIONALE

ILARIA SOZZI, 43 anni, INFERMIERA

GUGLIELMO (DETTO WILLIAM) ZUCCONI, 64 anni, PENSIONATO

TIZIANA ALBASI, 54 anni, DOCENTE LICEO RESPIGHI

GIANNA ARVEDI, 68 anni, EX DIRIGENTE SCOLASTICA LICEI PIACENTINI

ANGELO (DETTO MARCO)BERTONCINI, 62 anni, IMPRENDITORE

CRISTINA BETTA, 46 anni, DOTTORE COMMERCIALISTA

ALESSANDRA BURZONI, 43 anni, FUNZIONARIO REGIONALE

ELEONORA CAPUANO, 36 anni, AVVOCATO

GIOVANNI CASTAGNETTI, 55 anni, EDUCATORE E SOGNATORE

GIANLUCA CECCARELLI, 45 anni, IMPIEGATO DI BANCA

PAOLA CELLA, 49 anni, COMMERCIALISTA

ROBERTO COLLA, 40 anni, IMPIEGATO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PAOLA CORDANI, 57 anni, INSEGNANTE

NICOLA CURTARELLI, 36 anni, IMPRENDITORE

ANTONIO DE FILIPPO, 66 anni

ILARIA DIOLI, 39 anni, INSEGNANTE

DANIELE FANZINI, 52 anni, PROFESSORE UNIVERSITARIO

MARIA VALENTINA FERMI, 59 anni, LIBERA PROFESSIONISTA

DONATELLA FERRARI, 42 anni,

PATRICIA CRISTINA FERRO, 54 anni, ARCHITETTO

ALESSIO FIONDA, 32 anni, DIPENDENTE PUBBLICO

IVANO FORTUNATI, 59 anni, INSEGNANTE

LUIGI GAZZOLA, 58 anni, Funzionario Tribunale e Assessore al personale e bilancio

FLAVIANO GIOVANNELLI, 53 anni, COOPERATORE

MEDAGA HODZIC, 44 anni, IMPRENDITORE

MAURO LODIGIANI, 58 anni

ANDREA MEZZADRI, 72 anni, PENSIONATO

CRISTINA NIGLIO, 38 anni, AVVOCATO