Migliorare l’aria di Piacenza si può. Ecco come

Vogliamo che Piacenza diventi una città sana, bella da vedere e da vivere e che sia veramente sostenibile, cioè che le scelte fatte siano rispettose dell’ambiente con una prospettiva di lungo termine, per rendere Piacenza capace di affrontare i cambiamenti climatici e sociali del nostro tempo.

Questo richiede il coraggio di adottare misure e soluzioni riconosciute dalla comunità internazionale come davvero “sostenibili” anche quando questo richiede profondi cambiamenti del modo di vivere la città e dei comportamenti dei cittadini.

Le nostre priorità e i nostri obiettivi per i prossimi anni sono:

Migliorare la qualità dell’ambiente attraverso
-Ridurre progressivamente l’accesso all’area urbana ai veicoli più inquinanti, incentivare l’acquisto di veicoli ibridi o elettrici e realizzare la necessaria rete di punti di ricarica

-Regolamentare il traffico: pedonalizzare Piazza Cavalli e Piazza Duomo, costruendo così un percorso pedonale integrale e un centro commerciale naturale

-Ripensare il sistema del trasporto pubblico con veicoli in prospettiva ibridi o elettrici, e con percorsi integrati con la rete delle city bike, il cui utilizzo dovrà essere molto semplificato

-Integrare e migliorare la rete delle piste ciclabili: oltre ad aumentarne il numero, le piste ciclabili devono diventare più sicure ed anche più piacevoli

-Sviluppare una app che in tempo reale consenta di vedere parcheggi disponibili, auto in car sharing disponibili, postazioni di city bike ed altro.

-Negoziare un diverso modello di consegna delle merci in città: accordo con i principali corrieri per creare snodi di interscambio fuori città e accedere al centro con mezzi elettrici

-Potenziare la rete di teleriscaldamento, valutando i collegamenti possibili (termovalorizzatore, edipower, altri impianti), in vista delle strategie regionali in agenda per il 2020

-Promuovere il progressivo efficientamento energetico degli edifici pubblici

Incrementare le aree verdi, la loro qualità e fruibilità
-incrementare e migliorare la dotazione di orti urbani con spazi ed arredo urbano per la socializzazione come punto di aggregazione

-piantare ogni anno una percentuale dei nuovi alberi lungo le strade già esistenti

-sviluppare o avviare nuovi parchi: il parco delle Mura, la Galleana, il parco Montecucco, un’area verde del Capitolo, la Pertite che dovrà essere un progetto di valenza simbolica, collegato con le piste ciclabili, dotato di infrastrutture per il ristoro, e vissuto e curato dai cittadini

-realizzare aree di sgambamento cani di elevata qualità (aree separate per cani di taglia diversa)

Promuovere l’economia circolare e la gestione dei rifiuti innovativa:
-incrementare la raccolta differenziata fino al 70%, attraverso un sistema di contabilizzazione diretta della quantità di rifiuto conferito (tariffazione puntuale)

-realizzare un centro per la riparazione ed il riuso come spazio presidiato in cui si svolge l’attività di consegna e prelievo di beni usati ancora utilizzabili o la loro riparazione

-promuovere l’educazione ambientale e la responsabilizzazione collettiva attraverso progetti con valenza ambientale come i “condomini intelligenti” e il “baratto amministrativo” (riduzioni fiscali a fronte di lavori socialmente ed ecologicamente utili))

Come progetto di lungo periodo occorre verificare con gli enti regionali e nazionali progetti di fattibilità seri per lo spostamento a nord della bretella autostradale che rappresenta una barriera che taglia la città verso il Po e una fonte di inquinamento troppo pesante.